Warning: strftime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/vhosts/pippoganci.it/httpdocs/libraries/joomla/utilities/date.php on line 250
Banner

Warning: strftime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/vhosts/pippoganci.it/httpdocs/libraries/joomla/utilities/date.php on line 250


Webtarget

Segnala il tuo sito su GoldenWeb

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/vhosts/pippoganci.it/httpdocs/libraries/joomla/utilities/date.php on line 56

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/vhosts/pippoganci.it/httpdocs/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/vhosts/pippoganci.it/httpdocs/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198
home page

Benvenuti , questo blog ha soprattutto lo scopo di tutelare la mia persona e quella dei miei familiari in quanto consapevole di dare fastidio a delle lobby di potere, delle quali non ne conosco la moralità, nutro seri dubbi sulle conseguenze che ne potranno scaturire. Dalla costante visione di questo sito avrete ben presto la possibilità di constatare, quanto noi cittadini siamo costretti, nostro malgrado, a subire. Nel menu’ a sinistra titolato “Le mie denunce"  troverete parte della documentazione acquisita negli anni.

 

 

 

News scritta da Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - 16.05.2013

PREMESSA:

- nel menu a sinistra "Quartiere Tivoli" è stata inserita la 5a parte inerente la querella di cui sotto.

Per quanto riguarda il quartiere “Tivoli”, a partire da oggi, tutto quanto verrà inserito in questo blog non ha più la condivisione con l’associazione “Amici del Tivoli”, in quanto non ne faccio più parte da oltre un anno e mezzo. Pertanto, da oggi, tutta la documentazione che avrete modo di visionare, è solo frutto di una mia iniziativa personale e senza nessuna influenza od appartenenza politica
Orbene, giorno 14.05.2013 ho presentato, presso il Tribunale di Siracusa una querela nei confronti del Comune e nei confronti dell’Ufficio Tributi di Siracusa. Querela che, nell’immediatezza, oltre che essere inserita nel mio blog WWW.pippoganci.it “Le verità di Don Chisciotte”, sarà oggetto di una capillare diffusione.
Chi si addentrerà nella lettura della querela e degli allegati, avrà modo di verificare se la propria abitazione di residenza o seconda casa è soggetta ad una corretta tassazione sui rifiuti urbani.
Per quanto concerne il quartiere “Tivoli”, in dieci anni, per rendere un’idea delle somme che sono state sottratte, con l’inganno e con false dichiarazioni da parte dei destinatari della mia querela, ammonterebbero, da una mia personale stima, a circa 2.000.000 di euro.
Stima che, con ogni probabilità, a seguito dell’inadempienza di noi cittadini, la SERIT ha provveduto alla lievitazione del debito per interessi, more, fermi amministrativi, ipoteca sulle case ecc.. ecc.. Vi lascio immaginare, considerando tutti gli illeciti sulle abitazioni che sono ubicati nel territorio del nostro comune, la cui collocazione si trova fuori il perimetro di raccolta, le somme che, in forma associativa delinquenziale, ci sono state sottratte.
Quanto sopra quasi certamente motivo principale per cui non è stata mai avviata la raccolta differenziata in quanto sarebbe oggetto di tassazione più contenuta rispetto ai 3,54 euro attuali.
Dopo un’attenta lettura, lascio a voi eventuali considerazioni o eventuali opposizioni.
Sappiate che se si è arrivato a tanto è da imputare solo ed esclusivamente a noi cittadini ed alla paura che abbiamo nel contrastare i poteri forti. Sempre pronti a ossequiarli ed a riverirli, nel contempo si stanno impossessando dei nostri averi e delle nostre abitazioni.
In caso decidereste di ricorrere legalmente, fate particolare attenzione al legale cui affiderete il ricorso in quanto potreste andare incontro ad un soggetto che, in relazione alla stesura del ricorso, potrebbe favorire una sentenza penalizzante nei vostri confronti.
Qualora non l’avreste ancora capito, questa città è sotto sequestro da parte di emeriti furfanti.

News scritta da Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - 17.12.2011

Amici lettori, a partire dalla data odierna, è stata inserita, sempre nella quinta parte, due ulteriori documenti ufficiali, corredati da rispettivi allegati dove, tra parentesi, vengono richiamati dei numeri per permettervi una facile individuazione dell’allegato corrispondente.


Questa ulteriore documentazione ufficiale si è resa necessaria per evidenziare, ancora una volta, il prosieguo delle mistificazioni da parte di vari magistrati. Tutte azioni di cui ne denuncio la volontarietà nel tutelare, illecitamente ed illegalmente, i f.lli Salvatore e Silvio GIARDINA, titolari dell’omonima azienda agricola.


A seguito di questa mia vicenda, per evidenziare quanto si continua a camuffare e ad occultare, vi pongo in evidenza un articolo del giornale “La Sicilia” di venerdì 2 dicembre 2011 riguardante un’azione della Guardia di Finanza e dal quale articolo ho estrapolato quanto segue:


  • scoperti dalla Guardia di Finanza 72 lavoratori in nero impiegati in 21 imprese della nostra provincia dove si è appurato che oltre il 50% dei lavoratori controllati è risultato impiegato irregolarmente, ecc.. ecc…;
  • le Fiamme Gialle, al termine dell’attività, hanno elevato, a carico degli imprenditori, anche la cosiddetta maxisanzione, che va da 1.500 a 12.000 euro per ciascuno lavoratore in nero, maggiorata di altri 150 euro per ciascuna giornata di lavoro effettivo svolto da ogni lavoratore;
  • per alcune imprese, inoltre, è stata proposta la sospensione dell’attività, poiché il personale impiegato in nero era in misura superiore al 20% del totale dei lavoratori (analoga sanzione si applica anche in caso di reiterate violazioni in materia come superamento dei tempi di lavoro, di riposo giornaliero e settimanale).

Sulla base di questo articolo, le cui notizie pubblicate si riferiscono a dichiarazioni fatte dalla stessa Guardia di Finanza, da quanto emerge dalle indagini preliminari, nei confronti dei due f.lli GIARDINA, nessuna sanzione è stata applicata per quanto concerne le reiterate violazioni in materia come superamento dei tempi di lavoro, di riposo giornaliero e settimanale. Riscontro che viene evidenziato nello specchietto presente nell’allegato n.32  del mio blog, già a conoscenza da parte degli inquirenti e da parte della magistratura e di cui si evidenzia che, nel 2005, il sottoscritto, in 216 giornate di lavoro ha effettuato delle ore straordinarie pari ad ulteriori 125 giornate di lavoro.
Quanto appena esposto per evidenziare che stesso trattamento non verrà mai applicato all’azienda dei due f.lli GIARDINA, ai quali, contrariamente, verrà applicato sia un maxisconto che un maxicondono, la cui consistenza di una decina di milioni di euro. Il tutto organizzato da parte di chi, nell’ombra, sta delegando la magistratura nell’illecito e nell’illegalità forte della propria autonomia ed indipendenza – costituzionalmente garantita, a presidio dell’imparzialità dei giudizi.

PER SINTETIZZARE I VIGLIACCHI CHE OPERANO NELL’OMBRA, IN QUANDO COSTITUZIONALMENTE NON GARANTITI, SI FANNO SCUDO DELLA MAGISTRATURA.


Vi faccio altresì presente che, a distanza di cinque anni dal mio intervento finalizzato alla nomina della RSU, all’interno dell’azienda GIARDINA, i sindacati continuano a non voler intervenire per far attuare ciò che è previsto dalla costituzione italiana, dallo statuto dei lavoratori e dagli stessi contratti provinciali e nazionali di categoria.  Sindacati che, a seguito di quanto appurato ufficialmente, si stanno rendendo colpevoli dell’enorme danno che hanno e stanno provocando nei confronti dei lavoratori agricoli (PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CONSISTENTI DANNI CHE SCATURIRANNO DALL’IMMINENTE CAMBIAMENTO DEL CALCOLO DELL’ASSEGNO PENSIONISTICO,  AL SOLO SISTEMA CONTRIBUTIVO).


Nell’augurarvi un’attenta lettura, vi invito anche a riflettere sulla manovra in corso, soprattutto per quanto riguarda la lotta all’evasione ed alla corruzione, promessa da parte dall’attuale governo tecnico, la quale sarà, ancora una volta, per quanto concerne le lobby, solamente propagandata e mai attuata.


News scritta da Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - 23.09.2011

Amici lettori, dopo una lunga pausa dovuta al fatto di verificare determinate possibilità, da parte di coloro che accuso di corruzione, di collusione e di concussione, nell’attaccarmi, troverete inserita una mia ulteriore denuncia-querela, consegnata personalmente alla Tributaria di Siracusa, nella quale evidenzio tutta una serie di mistificazioni da parte degli inquirenti. Nonostante tutte le mie pubbliche dichiarazioni e tutta la documentazione, da me prodotta, la magistratura persiste, nei miei confronti, con comportamenti persecutori.

Il tutto a tutela dei due f.lli GIARDINA, mentre volontarietà nell’estromettermi di presenziare alla prima udienza preliminare, nonostante sia, ufficialmente da tempo, accertato il mio ruolo di parte offesa, rafforzato dal fatto di essere in possesso della documentazione emersa dalle indagini e che mi ha permesso di individuarne le mistificazioni e le dichiarazioni nocive.

Pertanto, nell’augurarvi una buona lettura di questa 5^ parte, al più presto troverete inserita gran parte della documentazione, rilasciata dagli stessi inquirenti, dove vi evidenzierò quanto di mistificante da parte degli inquirenti, ma soprattutto da parte della stessa magistratura.


News scritta da Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - 04.05.2011

Quanto presente, nella terza e quarta parte “Denuncie e repliche”, per evidenziare le condizioni di degrado cui gli abitanti del quartiere Cifalino, detto Tivoli, sono relegati, dalle rispettive amministrazioni Comunali e Provinciali. Trattasi di denuncie inoltrate, rispettivamente ai singoli destinatari, sia perché direttamente interessati che per conoscenza e dai quali restiamo in attesa di eventuali risposte in merito.

Tengo a sottolineare, per quanto riguarda la violazione nell’applicazione della TARSU, la nostra citazione di articoli e comma che ne evidenziano la legittima richiesta di riduzioni che l’ufficio Tributi si rifiuta di riconoscere. Si fa altresì presente che anche uno dei difensori civici del Comune, tramite un articolo di giornale, ha reso noto le condizioni per cui è possibile ottenere le riduzioni previste secondo il D. Lgs. 507/93. Comportamenti che, nonostante le reali difficoltà cui i residenti sono costretti ad affrontare giornalmente, mettono in risalto la volontà, da parte delle due amministrazioni, sia nel discriminare che nell’emarginare, gli abitanti del quartiere Cifalino.


News scritta da Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - 27/01/2011

Amici lettori, ci tengo ad informarvi che le indagini, da parte della magistratura, sono terminate. Pertanto, al più presto, a seguito di una mia visione di tutti i fascicoli, avrò modo di verificarne i provvedimenti che verranno adottati, le persone coinvolte, ma soprattutto le responsabilità che hanno indotto alla pluriennale truffa.

Pertanto, già da ora, ritengo si renderà necessaria una mia dettagliata relazione riguardante eventuali contestazioni riscontrate, ma soprattutto un riassunto dei fatti di cui sono stato oggetto ed artefice, sin dal periodo in cui ero alle dipendenze dell’azienda, delle azioni inconciliabili da parte degli stessi inquirenti e tant’altro. Interventi, a mia tutela e, soprattutto, per la creazione di una pubblica memoria su cui si baserà tutta la mia difesa. Memoria che, a seguito di complessità indotte cui è stata oggetto tutta la vicenda, necessiterà, per essere elaborata, di qualche settimana. In ogni caso vi prometto, sin d’ora, che non saranno impiegati i quasi cinque anni che sono serviti alla totalità degli inquirenti.

Augurandomi, da parte vostra, un costante interesse a questa vicenda, vi rimando alla messa in rete di ulteriori documenti ufficiali.


News scritta da Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - 10/12/2010

Come anticipatovi nelle news del 28.09.2010, da oggi, per quanto riguarda la mia vicenda giuridica nei confronti dell’azienda agricola dei F.lli GIARDINA di Siracusa, troverete inserita una 4^ parte comprendente un’ennesima pubblica denuncia ed  ulteriori allegati.

La motivazione scaturisce dal fatto che, gli inquirenti ed i destinatari delle mie pubbliche denuncie persistono nel voler espressamente ignorare le accuse  di complicità, connessioni e probabilmente, concussione e corruzione che lancio da tre anni circa. Il tutto finalizzato, anche o soprattutto, a ritardarne i provvedimenti che il caso esigerebbe.

Con il passare degli anni si è oramai  giunti in una fase che rasenta il paradosso, dove gli inquirenti persistono nel mantenere comportamenti, come espresso più volte, di dubbia chiarezza. Comportamenti che possono sembrare irrilevanti ma che sono finalizzati ad un preciso scopo.

Rivolgendomi, pertanto, ai nuovi lettori, per rendere più comprensibile la mia vicenda giuridica con l’azienda GIARDINA, suggerisco di procedere, per primo, alla lettura dei contenuti di quanto  agli allegati n. 13, 18, 23, 24, 32, 38, 46 e 98 e successivamente, con la lettura della  restante documentazione.

Prossimamente, procederò sia coll’inserimento di un riassunto di quanto di grave sotto il profilo penale e di quanto di paradossale nella gestione di questa vicenda, che la normativa  riguardante il “Documento Unico Regolarità Contributiva” (DURC) e sicuramente ulteriori elementi.


Per quanto riguarda, invece, il quartiere di “TIVOLI”, come da articolo della “Gazzetta del Sud” allegato, informo che un folto gruppo di abitanti del quartiere, supportati dall’associazione “Amici del Tivoli”, sta procedendo legalmente, tramite diffida, nei confronti del sindaco Roberto VISENTIN e pertanto del comune di Siracusa.

Motivo di questa diffida la condanna all’emarginazione ed al totale disinteresse, da parte di tutte le amministrazioni che si sono avvicendate negli anni, nei confronti del quartiere. Contrariamente, una maggiore imposizione fiscale sempre crescente, soprattutto da parte del Comune,  e probabilmente illegale. Mi riferisco in particolare nell’applicazione della tassa sui rifiuti (TARSU) e non solo.

Nell’augurarvi, pertanto, un’attenta lettura di quanto anticipatovi resterò in attesa dei vostri singoli commenti sulle continue evoluzioni di questo mio blog.

 

News scritta da Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - 21/09/2010

Amici lettori, nel ringraziarvi del vostro interessamento alla lettura di questo blog vi comunico che al più presto inserirò una nuova documentazione  concernente questa mia travagliata vicenda . A presto!

News scritta da Pippo Ganci - 10/12/2010

Come anticipatovi nelle news del 28.09.2010, da oggi, per quanto riguarda la mia vicenda giuridica nei confronti dell'azienda agricola dei F.lli GIARDINA di sSiracusa, troverete inserita una 4°parte comprendente un'ennesima pubblica denuncia ed ulteriori allegati.

La motivazione scaturisce dal fatto che, gli inquirenti ed i destinatari delle mie pubbliche denuncie persistono nel voler espressamente ignorare le accuse  di complicità, connessioni e probabilmente, concussione e corruzione che lancio da tre anni circa. Il tutto finalizzato, anche o soprattutto, a ritardarne i provvedimenti che il caso esigerebbe.

Con il passare degli anni si è oramai  giunti in una fase che rasenta il paradosso, dove gli inquirenti persistono nel mantenere comportamenti, come espresso più volte, di dubbia chiarezza. Comportamenti che possono sembrare irrilevanti ma che sono finalizzati ad un preciso scopo.

Rivolgendomi, pertanto, ai nuovi lettori, per rendere più comprensibile la mia vicenda giuridica con l’azienda GIARDINA, suggerisco di procedere, per primo, alla lettura dei contenuti di quanto  agli allegati n. 13, 18, 23, 24, 32, 38, 46 e 98 e successivamente, con la lettura della  restante documentazione.

Prossimamente, procederò sia coll’inserimento di un riassunto di quanto di grave sotto il profilo penale e di quanto di paradossale nella gestione di questa vicenda, che la normativa  riguardante il “Documento Unico Regolarità Contributiva” (DURC) e sicuramente ulteriori elementi.

Per quanto riguarda, invece, il quartiere di “TIVOLI”, come da articolo della “Gazzetta del Sud” allegato, informo che un folto gruppo di abitanti del quartiere, supportati dall’associazione “Amici del Tivoli”, sta procedendo legalmente, tramite diffida, nei confronti del sindaco Roberto VISENTIN e pertanto del comune di Siracusa.

Motivo di questa diffida la condanna all’emarginazione ed al totale disinteresse, da parte di tutte le amministrazioni che si sono avvicendate negli anni, nei confronti del quartiere. Contrariamente, una maggiore imposizione fiscale sempre crescente, soprattutto da parte del Comune,  e probabilmente illegale. Mi riferisco in particolare nell’applicazione della tassa sui rifiuti (TARSU) e non solo.

Nell’augurarvi, pertanto, un’attenta lettura di quanto anticipatovi resterò in attesa dei vostri singoli commenti sulle continue evoluzioni di questo mio blog.

News scritta da Pippo Ganci - 21/09/2010

Amici lettori, nel ringraziarvi del vostro interessamento alla lettura di questo blog vi comunico che al più presto inserirò una nuova documentazione  concernente questa mia travagliata vicenda . A presto!

 


www.pippoganci.it

Usiamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando il sito web si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti. Visualizza la Privacy policy.

Cliccando su "Si, accetto i cookie" acconsenti all’utilizzo dei cookie.

EU Cookie Directive Module Information